Corradi
Approfondimenti

Giardino a bassa manutenzione: come realizzarlo e prendersene cura

Giardino a bassa manutenzione: come realizzarlo e prendersene cura

Avere un bel giardino a bassa manutenzione è il sogno di molti appassionati di outdoor, combattuti fra il desiderio di regalarsi un’oasi intorno a casa e la paura di non avere il tempo e le competenze per curarla come si deve. Ma questa incertezza non deve scoraggiare, perché esistono soluzioni alla portata di tutti, che permettono di avere uno spazio gradevole, accogliente e vivacizzato da colorate fioriture.

Il progetto: clima, terreno ed esposizione

Il primo step per evitare errori è la progettazione. Inutile lanciarsi in acquisti di piante e arredi se prima non si è considerato il clima, la tipologia di terreno e l’esposizione al sole del giardino, oltre alle sue dimensioni. Il rischio, infatti, è quello di vanificare il lavoro successivo e di sprecare l’investimento fatto. Una volta fissati i punti essenziali, si può procedere con la scelta delle varietà, privilegiando quelle autoctone e rustiche, che nel paesaggio circostante hanno già dato prova di resistenza e vitalità. Se vi occorrono ispirazioni, potete lasciarvi suggestionare dalle forme libere dello stile provenzale, dal romanticismo del giardino inglese o assecondare le tendenze giardino per il 2021

Un giardino a bassa manutenzione: 5 consigli per il successo

Una volta definito il progetto, è bene prendere confidenza con alcune linee guida per il giardinaggio fai-da-te:
 

  1. Concimate il terreno con un buon compost naturale e i fondi del caffè;

  2. Rispettate le distanze fra piante, stimando la crescita di ciascuna;

  3. Evitate i ristagni d’acqua nei vasi, perché le radici potrebbero marcire;

  4. Calibrate l'innaffiatura in funzione della stagione: di sera in estate, affinché il sole non bruci le foglie e i fiori; nelle ore più calde in inverno, per scongiurare le gelate notturne;

  5. Potate le foglie morte e i fiori secchi con una forbice da giardino, applicando un taglio netto.

15 piante e arbusti per un giardino a bassa manutenzione

Fissato il progetto e metabolizzate le linee guida, è giunto il momento di scegliere le piante: se il problema è il tempo la soluzione è puntare su specie il più possibile autosufficienti, come le perenni, le sempreverdi e tutte le piante che non necessitano di molta acqua. Nonostante i nomi per molti sconosciuti, scopriamo insieme quali sono le piante che vi daranno maggiore soddisfazione per creare un giardino che richiede poca manutenzione: 
 

  • Viburno (Viburnum thinus): rustica robusta, ideale per una siepe, regala generosi mazzetti di fiori bianchi, molto profumati;

  • Echinacea: erbacea della famiglia delle margherite, se esposta al sole ha una fioritura abbondante e variopinta;

  • Weigelia florida: arbusto adattabile a diverse condizioni, dal pieno sole alla mezz’ombra, si sviluppa rapidamente con una folta chioma e fiori colorati;

  • Aucuba japonica: piccolo arbusto sempreverde, apprezzato per le foglie decorative e i frutti rossi, teme solo il sole diretto troppo forte;

  • Liriope muscari: perenne tappezzante, forma ampi cespugli e, in estate, eleva grappoli di fiorellini colorati disposti a pannocchia;

  • Elleboro: un must per chi ha pochissimo tempo, questa perenne predilige l’ombra e fiorisce d’inverno, valorizzando il giardino in un momento in cui di solito è spoglio; 

  • Forsizia: l’intensa fioritura gialla di questo generoso arbusto certifica l’arrivo della primavera;

  • Edera: questa tappezzante è la soluzione migliore per rivestire muretti e scarpate. In commercio ne esistono decine di varietà e infinite sfumature di verde;

  • Nepeta: erbacea robusta e resistente alla siccità, vanta una fioritura violacea, che svetta su bordure e aiuole;

  • Oleandro: arbusto autonomo con una fioritura spettacolare da giugno a ottobre, abbellisce con i suoi colori anche le aree più dimesse;

  • Clematide (Clematis): rampicante dalla fioritura duratura e affascinante, disponibile in numerose varietà, richiede un piccolo sostegno per dare il meglio di sé;  

  • Sedum: succulente completamente autonomo, può essere utilizzato nel giardino roccioso, nelle bordure o come coprisuolo;

  • Agave: pianta splendida per i giardini minimali, questa succulente una volta messa in terra non richiede acqua. Preferisce i climi caldi o temperati, ma alcune varietà si adattano al freddo, se collocate in posizione riparata; 

  • Rosa: non potevamo ignorare la regina dei fiori. È considerata una pianta non semplice, ma esistono numerose cultivar robuste e dalla fioritura prolungata. 

Non esiste giardino senza contemplazione 

Dopo tanto lavoro, l’emozione più intensa arriva dalla contemplazione e dal relax che ne consegue. Osservare il proprio giardino, magari sorseggiando una tisana in compagnia delle persone care, è uno dei piaceri della vita. Per questo è fondamentale inserire uno spazio ad hoc, personalizzato e accogliente per vivere il proprio outdoor molti mesi all’anno: tra le soluzioni Corradi, leader nelle coperture da esterno, troverete modelli di Pergotenda® e pergole bioclimatiche, strutture hi-tech in grado di creare ambienti confortevoli in tutte le stagioni, più numerosi complementi di design per delimitare verande e terrazzi. A questo punto della lettura, non sognate anche voi una “stanza” all’aperto che immerga il comfort dell’indoor nelle atmosfere rigeneranti dell'outdoor?

Restiamo in contatto

Registrati alla newsletter per ricevere le ultime notizie da Corradi