Corradi
Approfondimenti

Tendenze giardino 2021: tutte le anticipazioni del nuovo anno

Tendenze giardino 2021: tutte le anticipazioni del nuovo anno

Il recente lockdown e le norme di distanziamento sociale vigenti, con le dovute differenze, in tutta Europa, hanno costretto molti di noi a rivedere le proprie abitudini, a partire dalla fruizione dei luoghi, rivalutando e valorizzando lo spazio esterno domestico, nuovo fulcro della socializzazione familiare e non. 
Anche i grandi eventi e le manifestazioni collettive si sono dovute adattare a nuovi format che fossero in grado di garantire la sicurezza tra i partecipanti senza rinunciare al loro tratto identitario. Tra questi anche Orticolario, l’iniziativa internazionale dedicata alla cultura del paesaggio di Villa Erba (Cernobbio, Lago di Como) che quest’anno si è data una nuova veste virtuale. Ecco allora alcune anticipazioni sulle tendenze giardino per il 2021, tutte all’insegna di un rinnovato outdoor da vivere e condividere.   

Forest garden: le emozioni del bosco nel tuo giardino

Le emozioni del bosco riportate in giardino. È questa l’essenza del forest garden, così come l’ha anticipata Vittorio Peretto, landscape e garden designer: una tendenza che attinge a piene mani dalla natura per riportare nell’outdoor di casa sensazioni di purezza e di libertà, oltre i confini progettuali del giardino inglese e oltrepassando perfino le licenze del meadow garden. Il cambiamento climatico e la modifica delle nostre abitudini generata dall’emergenza Covid sono le premesse di questa interpretazione del verde. Con il lockdown l’aria e l’acqua si sono ripulite, milioni di persone hanno trascorso un tempo maggiore nei propri giardini e così è maturata una nuova consapevolezza: non possiamo essere sani in un ambiente malato. In questo modo è nata l’idea di ascoltare di più la Natura. Partendo dalle piante. Nel forest garden si privilegiano quindi le specie autoctone, più robuste e capaci di adattarsi alle condizioni esterne. Vanno poi integrate con altre piante dagli stessi caratteri, che si intrecceranno con le prime in modo spontaneo, pur non essendo locali. Nel forest garden il senso estetico si concentra sull’importanza della vegetazione per l’assorbimento dei rumori e dell’anidride carbonica: un duplice processo che purifica il giardino dall’inquinamento acustico e dell’aria. In questo modo si crea un ecosistema per attrarre insetti e uccelli, i quali tenderanno a eliminare i parassiti, mantenendo un naturale equilibrio. Ecco perché non devono mancare casette e mangiatoie per volatili, condizioni per favorire un’altra tendenza consolidata: il birdgarden.
L’elemento materico chiave del forest garden? Ovviamente, il legno

Il birdgarden, tra le tendenze giardino 2021

Nell’Europa del Nord è un’abitudine consolidata, che coinvolge giardini privati e parchi pubblici. Stiamo parlando del birdgarden, ovvero della possibilità di ammirare l’avifauna selvatica nel proprio giardino. Per farlo occorre progettare uno spazio verde ad hoc, partendo dalle piante in grado di attirare gli animali, scegliendo quelle più adatte al clima e alla fauna locale. I frutti della rosa canina, del prugnolo, del mirtillo, del sorbo, del ribes, solo per citare le specie più facili, sono l’ideale per pettirossi, fringuelli, scriccioli e capinere. Come il biancospino, un arbusto che offre un ottimo rifugio a molti animali, e gustose bacche autunnali. Anche l’edera è un rampicante che fornisce un buon riparo e può ingentilire pareti e muretti. Non vanno dimenticate le varietà da prato: il tarassaco, il cardo, le aromatiche (salvia, rosmarino, timo, malva, maggiorana) e i fiori. Sono l’estasi di tanti insetti ma anche dei passeriformi e degli uccelli insettivori, come le cinciallegre e le cinciarelle. I benefici di un giardino progettato per il birdgarden sono molteplici: niente pesticidi, un habitat pieno di vita e un giardino naturale, con ospiti stanziali e “amici” migratori che renderanno ancora più piacevole il tempo trascorso all’aperto
Per ammirare questa meraviglia, le soluzioni sono due, una outdoor e l’altra indoor. La prima richiede un punto d’osservazione nascosto, riparato da una siepe o, meglio ancora, da una chiusura verticale. Per la seconda, invece, l’ideale è un affaccio sul birdgarden, come una veranda, una terrazza, un pergolato o una pergotenda con vetrate scorrevoli, da cui ammirare la natura circostante. 

Giardini acquatici: un nuovo e accattivante punto focale

I giardini acquatici rappresentano una nuova e importante tendenza del giardino di domani e certificano la crescita culturale degli appassionati del verde. Non occorrono grandi spazi per regalarsi la fioritura di una ninfea o un calla, anche in balcone, se abbiamo la giusta esposizione. Quello che conta è mantenere il corretto equilibrio fra specie ossigenanti, filtranti, galleggianti e ombreggianti. In questo modo il giardino acquatico non avrà bisogno di filtri meccanici e si manterrà sano in modo naturale. Ultimo, ma non meno importante, vantaggio: un punto d’acqua controllato aiuta a eliminare le zanzare. Basterà inserire dei “pesciolini anti-zanzara” (come le gambusie) i quali, cibandosi di larve, interrompono la catena riproduttiva e riducono il numero degli adulti. Una lotta biologica dunque, in sintonia con i dettami del gardening consapevole.
Non sentite anche voi la tentazione di rinnovare il vostro outdoor per farne davvero uno spazio da vivere?

Restiamo in contatto

Registrati alla newsletter per ricevere le ultime notizie da Corradi