Corradi
Approfondimenti

Riprogettiamo il futuro dei workplaces, in outdoor.

Riprogettiamo il futuro dei workplaces, in outdoor.
Da sempre le nuove tendenze sono frutto di importanti cambiamenti nel tessuto culturale della società e in esse sono concentrate le risposte che la scienza, la sociologia e anche l’architettura si impegnano a offrire per trovare soluzioni, o più precisamente innovazioni, che ci consentono di vivere al meglio il nostro tempo e il nostro spazio.
 

Una riflessione doverosa

Abbiamo imparato che la commistione di funzioni non è impossibile, che possiamo lavorare a distanza, che il nostro posto è quello in cui stiamo meglio. Negli scorsi mesi ci siamo adattati a condizioni differenti, siamo cresciuti, e così hanno fatto le aziende e si sono fatti notevoli passi in avanti sulla presa di coscienza di quanto sia importante il benessere sul luogo di lavoro, per incentivare la produttività, ma anche lo scambio e la conoscenza. Siamo cambiati e con noi anche lo spazio che ci circonda e con cui abbiamo a che fare quotidianamente.
 

Come abbiamo modificato gli ambienti di lavoro

Home office, aree green, spazi condivisi, zone relax: in quest’ultimo anno ci siamo impegnati in un adattamento costruttivo continuo, che ci ha permesso di reinventare i nostri spazi quotidiani compresi quelli di lavoro, per lo più dentro casa.
In attesa di un ritorno alla normalità sono stati diversi i tentativi di concettualizzare il workplace, attingendo a elementi architettonici e soluzioni, che hanno spesso sentito la necessità di invadere l’esterno, facendolo proprio e adattandolo alle proprie urgenze.
Abbiamo creato nuove funzioni, relazioni, esigenze… e abbiamo trovato delle risposte creative, originali e funzionali.


PAX08608.jpg


In ottica di riprogettazione e riqualificazione degli spazi urbani, anche le realtà aziendali potranno e dovranno evolvere e una nuova forma di outdoor working potrebbe essere una valida alternativa al telelavoro; una tematica sfaccettata e complessa che vede protagonista il tema del rapporto tra le aree al chiuso e all’aperto nei luoghi di lavoro pubblici o privati.
Come per ogni epoca di cambiamento infatti la ridefinizione delle abitudini e degli habitus (intesi come modi di vivere lo spazio) è necessaria al fine di ridisegnare gli ambienti quotidiani in funzione delle nuove necessità.
Elemento di comunicazione tra aree al chiuso, spazio da vivere e condividere, luogo adibito alle leisure activities, l’outdoor si candida ad essere una delle soluzioni più efficaci e, in questo senso, a modificare la prospettiva di progettazione per adattarsi e cambiare veste e scopo a seconda della contingenza e di chi lo utilizza.


PAX08525.jpg
 


Il futuro

Grazie a questo nuovo approccio progettuale vengono a cadere tutte le differenziazioni tra esterno e interno degli edifici, il concetto di stagionalità si fa più fluido, e ogni spazio deve essere progettato per viverlo in ogni momento dell’anno.
Una Bioclimatica può ospitare un arredamento moderno e funzionale per trasformarsi in un ufficio, caldo d’inverno e fresco d’estate, oppure accogliere sale conferenze, meeting aziendali, uffici condivisi o ancora aree di pausa per i dipendenti.
Lo spazio può e deve modificare la sua funzione a seconda di chi lo utilizza. Un sistema architettonico in movimento è capace di trasformarsi a seconda della contingenza, come le nostre Pergotenda® con sistema di copertura scorrevole a impacchettamento, dimostrano che il design può cambiare per rispondere a esigenze sempre nuove.


PAX08531.jpg


Il prossimo anno porterà con se i frutti dell’esperienza appena passata che suo malgrado è riuscita ad attivare processi di innovazione che vedranno tra i tanti l’ampliamento degli spazi aziendali, nuove forme di lavoro agile e home working, dove l’ormai radicata necessità di outdoor troverà risposta in un fermento culturale di design, tutto da ridisegnare.
 
 

Restiamo in contatto

Registrati alla newsletter per ricevere le ultime notizie da Corradi